la tristezza

la tristezza...rasenta il sereno.
e per ridicola che sia...mi immobilizza.
non urta non geme...ma s'assesta libertina.
dopo il tuono non viene la quiete.
viene l'utopia di un miraggio sfrenato...
da lontano...lontano.
vicino.
la tristezza non ha distanze.
non conosce limiti...
come non ne conosce il mio ego...
il sarto maldestro è già pentito.
'ovunque vai ci sono io!'...
ma non mi fa mai compagnia.
il mio corpo sparirà anch'esso,
come fu per il 'Piccolo Principe'?
potrebbe essere una setta la mia...malinconia...
maldicenza del brutto
non mi fa paura la tristezza....
ma di paura attanaglia....
ti sugge ovunque...
ovunque ti rannicchi...
terremoto di ricordi...
apri le braccia e sussurri'eccomi'...
ed essa, paradosso, ti rapisce di un sonno insonne...
narcolessia del divenire...
forse è solo mera idea...
ma macchia il  mio vestito della festa...
festa privata...
chi sono io per scegliere l'invitato?
arriva sceglie si siede e beve 
distillati di saccente armonia...
anch'essa finzione...
anch'essa senza bagliore....
ho provato
sono provata....
ammorbidita incenerita...
                            intenerita.
non si sfugge alla tristezza....
ti aggiunge togliendo...
un braccio una gamba un occhio...
e lo porti il suo peso 
perchè 
non duole....
se non all'armistizio del giorno...
lento...
come notte 
come giorno....
circadiano...
quotidiano...
chiamalo se vuoi...
'esperimento vitae'.
.

Commenti

  1. Sto cercando le parole per commentare cio che hai scritto ma non le trovo propio..so sole che mi ha colpita!

    RispondiElimina
  2. Che poesia meravigliosa... Complimenti davvero.
    Mi hai trasmesso un mix di emozioni mentre leggevo le tue parole che non so bene descrivere! Un misto di malinconia, angoscia, inquietudine assieme a forza, volontá, coraggio di reagire...
    Mi hai colpita "dentro", mi reputo una persona molto triste... Credo di essere nata triste ed, in certi periodi della mia vita, sono riuscita a nascondere questo sentimento dietro una corazza di falsa forza d'animo animo e finti sorrisi... Cercavo di allontanarla il più possibile da me stessa, non l' ho affrontata direttamente per paura di cadere, di essere sconfitta... Ed ecco che alla finta ha vinto lei, è riuscita a vincere senza nemmeno che io combattessi... Si è presa totalmente la mia mente, il mio cuore, la mia anima facendomi sempre più sprofondare...
    Poi ho capito che non potevo affondare ancora... Sarei sparita in tutti i sensi... Ed è così che ho iniziato a lottare contro di lei, contro tutti i disturbi che mi aveva provocato... Lotto ancora e fidati, ho tanti graffi e lividi... Sono spesso stanca, ma sto veramente comprendendo che l' unica cosa da fare è questa: affrontarla a muso duro... Non penso me ne libererò mai...( in fondo un pochino di tristezza è normale ed utile... Quella "sana tristezza"...) Però potro cercare di diminuire fortemente la sua presenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!!
      non so come tu abbia fatto ma mi hai regalato proprio il commento che cercavo!!!cioè la descrizione dei propri stati d'animo alla lettura mio post...
      per cui ti ringrazio tanto...è stata una magnifica sorpresa!!!

      Elimina
  3. Io ti auguro tanto che la tristezza finisca e per te torni a splendere il sole...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  4. La tristezza è come una grigia coltre... un baratro personale di cui possiamo scegliere la profondità.

    Mi è così congeniale da non essere a volte nemmeno tristezza, ma l'unico vero modo in cui so vivere - punteggiato s'intende di brevi sprazzi di commozione, sollievo, allegria, crassa risata - ma nondimeno il più naturale e reale.

    Quel tanto che basta per non soffrire troppo quanto tutto va davvero male - non potrebbe essere che così... - né trastullarsi col pensiero di felicità che ci appaiono troppo grandi, troppo alte, troppo luminose e troppo false.

    RispondiElimina
  5. Ciao tesoro, rieccomi qui.
    La tristezza fa parte della vita e non dovremmo respingerla, ma anzi accoglierla, per poter ricominciare da capo, trovare una nuova svolta, un trampolino di lancio verso un ignoto forse più tranquillo.
    Spero che torni presto la serenità, ma per adesso, fai tua questa tristezza, lascia che ti invada e piano piano la sentirai scivolare via.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Io troppo spesso mi faccio cullare dalla mia tristezza, dalla malinconia soprattutto, mi sento più al sicuro e a mio agio in quelle condizioni che non quando sono felice....perchè so che la felicità dura poco, e non la so gestire. Con i sentimenti "negativi" invece, ci convivo da sempre...!

    RispondiElimina
  7. Ciao cara :* aspettavo un tuo nuovo post e scusami per il ritardo ma volevo commentare bene e per questo ora che ho un po' di tempo posso farlo, inazitutto ti faccio i complimenti perché è davvero incredibile come tu riesca a esprimere le tue emozioni sotto forma di poesia e spesso riesci anche a dare voce alle emozioni che provo io ma che non riesco a esprimere a parole... Dalle tue parole emerge tristezza e malinconia ma io ci leggo anche la speranza di andare avanti e di separartene! Capisco il tuo stato d'animo e spero tanto che troverai ogni giorno un po' di forza in piu per combattere, l'immagine di Kurt mi ha colpita molto ed è bellissima anche la frase... Ti stringo e ti mando un bacione <3 :*

    RispondiElimina
  8. E' difficile tirare fuori certe emozioni, non si possono spiegare .. si Vivono e basta .
    :)

    Stringo forte, Flavia -

    RispondiElimina
  9. Sei sempre favolosa..mi colpisci nel profondo.

    RispondiElimina
  10. Ciao mia cara, ti ho letto con trasporto ed emozione. I tuoi versi sono così convolgenti che arrivano dritto al cuore. La tristezza è una brutta compagna... ma tra le tue parole leggo anche la voglia di combatterla ... di distruggerla ... scrivi come sai fare e vedrai che pian piano te la lascerai alle spalle. Un abbraccio, Stefania

    RispondiElimina
  11. Alcuni di noi sono semplicemente nati tristi e per quanto cerchino, disperatamente anche, di combatterla in tutti i modi non riusciranno mai a mandarla via completamente. Qualsiasi forma di felicità avrò, non sarà mai abbastanza forte per sradicare la tristezza che ho dentro, che non ha un nome o una forma da cui proviene, semplicemente esiste.

    Poesia bellissima.

    RispondiElimina
  12. Splendida poesia come solo tu sai scrivere!
    Combatti la tristezza con un semplice sorriso, guarda il cielo e abbraccia le tue emozioni, caccia le lacrime e sorridi alla vita!
    Ti abbraccio forte Beatris

    RispondiElimina
  13. Cos'è questa cosa che riesci a far parlare le emozioni, lo spleen? (:

    RispondiElimina
  14. Scusa per il ritardo!!Ora ci sono:)
    che bello il titolo del blog, mi piace un sacchissimo!!

    " non mi fa paura la tristezza....
    ma di paura attanaglia....
    ti sugge ovunque...
    ovunque ti rannicchi...
    terremoto di ricordi...
    apri le braccia e sussurri'eccomi'...
    ed essa, paradosso, ti rapisce di un sonno insonne..."

    é vero, a volte la tristezza sembra arrivare ovunque, anche se ti rannicchi in un angolo sperando che non ti veda..mi capita con delle emozioni molte volte, e a volte non so se si chiamino tristezza, ansia o cosa..semplicemente non hanno un nome, sono come un misto di tutto, sempre..

    "Chi sono per scegliere l'invitato?" Io ho capito che non posso scegliere l'invitato, però a volte accogliere un'ospite indesiderato è l'unica cosa che lo fa andare via..Ormai non cerco più di rannicchiarmi davanti a quelle emozioni (spesso anche io la percepisco come Tristezza) che cercano di mettermi all'angolo, ma le lascio entrare..
    Un grande abbraccio bentornata!

    RispondiElimina
  15. Tristezza blocca, prosciuga, intontisce, ferisce...
    Chi davvero vede, tristemente vive.

    Cassandra

    RispondiElimina
  16. ... Le tue parole mi sono entrate dentro..
    Ti faccio i miei complimenti e da oggi ti seguo!
    Un Abbraccio.

    RispondiElimina
  17. La profondità di ciò che hai scritto...
    Sono tornata a leggere questo post, perchè rispecchia a pieno sensazioni con le quali convivo; come da nome del blog, questa poesia ti fa 'guardare in fondo' e arriva in fondo a ciò che si prova dentro di noi.
    Meravigliosa, davvero.

    RispondiElimina
  18. Sei riuscita ad esprimere il tuo stato d'animo e in molte cose ho visto il mio stato d'animo. Questa e' una poesia molto bella

    RispondiElimina
  19. Sono venuta a rileggere la tua poesia sulla tristezza che tocca il cuore!
    La tristezza, la malinconia, la nostalgia sono ancore di salvezza per non farci affondare, cercano un sorriso per farci respirare e affrontare la vita!
    Un forte abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  20. Grazie della tua visita, mi fa piacere che apprezzi ciò che fugge dalla mia penna... e che dire di quel che scrivi tu! Intensa, vera, malinconica e forte insieme... Entri nell'animo.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  21. e' un intersecazione di pensieri... complienti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari