11/01/17

contraddizioni

7/1/17 mezzogiorno

Mi sento..in gabbia.come prigioniera.
e non so manco come.perciò chiamo quelli che si definiscono'i pensieri parassiti'.
perchè cerco emozioni.
che forse non provo.o quelle che provo mi stanno strette.
Non sono più una bambina.
non mi entusiasma niente.e ciò è triste.
ma manco la tristezza provo!
non mi riconosco.nè conosco.
le mie emozioni sono FALSE.
io le avverto così.estranee.
Sono dentro un involucro VUOTO.
Sono EMOTIVAMENTE PIATTA.
Non posso dire che non provo nulla,perchè
il nulla è già qualcosa!!
io non provo.e basta.
Mi viene da dire che sono SENZ'ANIMA.ecco.

N.B.ho trascorso la notte a preparare la compilation del blog..se volete..ascoltate la mia lunga playlist!!Grazie..aggiornamento febbraio 2017..playlist modificata 2 volte...



AGGIORNAMENTO:10/1 notte
qualcosa è uscito.
le lacrime.
poi più nulla.
già fine.
vorrei afferrare qualcosa.
per sollevarmi.
ma calpesto carta.
sono un fuso orario in linea retta.
mi mancano compagni di scuola.
ho una nostalgia assurda.
non avrei mai creduto l'avrei detto.
non dopo tutto il male ricevuto.
tutto il bullismo subìto mi ha devastata.
e di cui porto ancora i segni.
evidentemente questo lato di me meno rancoroso lo devo alla terapia.
e in quest'atmosfera di 'pace'..
mi vedo con loro.e che loro mi vogliono bene.
è questo il punto.
vorrei essere AMATA.
o amare al punto da distaccarmi dal mio ego superficiale e..
riuscire.RIUSCIRE.
in qualsiasi cosa.
a cominciare dalla dieta.
avere obiettivi.
avere UNA STRADA.
tracciare solchi anche con le lacrime,non importa,ma avere un qualcosa.
da afferrare.da lanciare.da dilaniare.da divorare.
AVERE....PER ESSERE.
così non sono niente.
non so se sia questione di mente,
di volontà o di forza,
ma non ci riesco.
non riesco a fare altro al di fuori del danneggiarmi.
e cazzo il quadro ce l'ho lì,così chiaro!!!allora???
allora è stantio.il mio malessere stantio.
apporta sciocchezze.
e cupo s'increpa.

24 commenti:

  1. Notevole lettura introspettiva.cinica descrizione dell'anestesia emotiva. Per sopravvivere. Questo è il dolore uro.

    RispondiElimina
  2. Notevole lettura introspettiva.cinica descrizione dell'anestesia emotiva. Per sopravvivere. Questo è il dolore uro.

    RispondiElimina
  3. Non ti stupire di non provare ma prova a stupirti... provando. Notte Fuego. :)

    RispondiElimina
  4. il vuoto e la solitudine possono essere una straordinaria occasione di salvezza, nel senso che ci fanno comprendere che siamo esseri dipendenti in tutto e per tutto da Qualcuno che questo vuoto ha stampato nella nostra anima perchè non ci dimenticassimo mai di Lui. La felicità può essere solo un dono e non qualcosa che possiamo crearci da soli, e in quanto tale dobbiamo chiederla senza rassegnazione e cedimenti.

    RispondiElimina
  5. Ciao mia cara❤..sono Marghe del blog la pescatrice di sogni..ora non c'è più. Mi sei mancata tanto, e ti ho pensata spesso. Peccato nella vita non abbia mai incontrato una persona come te.
    Ti stringo forte❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima ti ho risposto in privato.
      controlla le tue MAIL.

      bacione

      Elimina
  6. Continua ad annotare quello che pensi... continua e non stupirti... Io credo che si debba passare dal niente per ricostruire, passo dopo passo..abbandonare la rabbia, scoprirti e accettarti per quel che sei...
    Ciao, mia cara. Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per queste parole.importanti.
      proprio stamattina,ragionando su di me,anche io sono giunta alla conclusione che,per ricostruire,bisogna partire da ZERO.
      solo così diamo prova a noi stessi di essere capaci di trarre
      vita da esperienze negative che ci hanno appunto azzerati,annullandoci.costruire dal nulla è la nostra miglior vendetta.

      un caro saluto

      Elimina
  7. Ciao,son finita qua per caso e ho letto qualcosa...Anche se non ci conosciamo, mi dispiace sinceramente per quello che stai vivendo. Sicuramente troverai tanta gente che ti fa prediche e lezioncine,il che fa soltanto sentire più soli,io invece ti dico solo che ti posso capire, perchè so bene cosa significa non trovare un senso alla vita.

    RispondiElimina
  8. Grazie di essere passata da me,vieni quando vuoi! E' così che ti ho trovato: nei miei giri per cercare blog in attività. Ogni volta che trovo qualcuno che non ha mollato il blog in giacenza non posso che incoraggiare e apprezzare. Grazie dei complimenti per il fantasmino: è opera mia :-) A me piace molto la cascata di foglie nel tuo cursore!
    La gente fa in fretta a dirti di non pensare e bla,bla, ma quello che ripeto sempre ai miliardi di filosofi/psicologi/so-tutto-della-vita che capitano in giro, è che gli stati d'animo e i sentimenti non si spengono con un pulsante dietro la testa, nè ragionandoci su, nè si può formattare l'anima di una persona e riprogrammarla come vorrebbero loro; se no tutti staremmo sempre bene e la vita sarebbe facile. Chi si porta dentro un dolore che non ti fa respirare, qualunque sia il motivo,non ha bisogno di lezioni, ma di essere compreso e accettato col suo muso lungo e le sue lacrime, perchè solo la persona conosce davvero la sua storia e il suo modo di essere e quello che le costa vivere ogni giorno.

    RispondiElimina
  9. Eccoti accontentata: ho recensito un'altra serie. ;-) Ho aperto il blog da pochissimo e ne ho ancora tante di cui parlerò. This is us non è il mio genere, Supernatural lo guardavo,ma ho saltato un paio di stagioni perchè non mi piace molto la piega che ha preso,ora magari riprovo.

    RispondiElimina
  10. E' altrettanto bella,ti piacerà!

    RispondiElimina
  11. Ecco un'altra serie recensita :-)

    RispondiElimina
  12. Grazie! Se ti ho fatto stare bene mi fa molto piacere: far qualcosa di buono è la mia direttiva primaria ;-)

    RispondiElimina
  13. Grazie! Ho smontato pezzi di cose vecchie e li ho usati per comporre il corpo, occhi e bocca sono spilli con la capocchia colorata e il contorno degli occhi col pennarello. :-)

    RispondiElimina
  14. Grazie! :-) L'uccellino è dentro la casetta di legno: si vede la testa, e nell'altra parte dell'immagine è in volo.

    RispondiElimina
  15. Ogni tanto provo esattamente le stesse cose.
    Posso capire come ti senti. E ci sono quei momenti in cui sai di voler cambiare qualcosa e, come dici tu, di riuscire in qualcosa. Ma poi il problema dov'è? Cosa non ci permette di fare qualcosa?

    Non so se ti ricordi di me, probabilmente no, è passato tanto tempo.
    Ti mando ugualmente un forte abbraccio!
    Snotra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come sono contenta di ritrovarti!!!
      certo che mi ricordo di te!!
      ormai non scrive quasi più nessuno sul blog..l'avrai notato!!!
      io ci sono..indefessa!!!


      un bacione

      Elimina
    2. Forse è un bene che nessuno scriva più sui blog, magari tutte si sono riprese e stanno vivendo, finalmente, una vita senza dolore (?)
      Anche io sono ancora qua, gira e rigira, torno nel mio blog per cercare un modo di capire me stessa, per sfogarmi.
      Non ho ancora trovato la serenità, per questo probabilmente continuo a tornare qua. Non pensi?
      Torno a leggerti ovviamente <3

      Elimina
    3. secondo me da queste malattie non si guarisce mai...forse parlo solo per invidia...perchè non ho avuto la fortuna di uscirne...anche quando sembrava fatta...sono ripiombata nel sintomo...
      anche io come te scrivo sul blog per capire me stessa..
      è una finestra sulla mia anima...

      Elimina
    4. Forse non si guarisce mai del tutto, ma si può eliminare il sintomo e cercare di sentirsi bene comunque. Ti direi una bugia se ti dicessi che ora io sto bene e che prevale SOLO la parte razionale di me, ma sicuramente sto meglio di prima (e questa ammissione, anni fa, sarebbe stata impossibile). Lo dico perché mi rendo conto che alcune cose sono cambiate, anche la mia vita sociale, la vivo molto meglio. Sicuro è che non riesco a vivere serena quando vado a mangiare una pizza fuori o un kebab o quando non riesco a controllarmi ed è come se non fossi io a decidere cosa fare, cosa mangiare per poi realizzare quanto e cosa ho mangiato. Penso che non saremo mai come quelle persone che non hanno passato quello che abbiamo passato/passiamo noi, che riescono tranquillamente a mangiare quanto vogliono senza pesarsi per anni (ebbene sì, conosco persone così) però io non voglio pensare che per sempre rimarremo in bilico tra due vite, tra due mondi.
      L'unica cosa che possiamo fare è riprovare. Cercare sempre di rialzarci dopo una brutta caduta.
      Io non so se per te è lo stesso, ma spesso è come se ci fossero due parti di me in cui una è razionale e l'altra... beh, l'altra non so bene come chiamarla, ma è quella parte di me che vorrebbe ripiombare nel vuoto, nella "leggerezza", nel dolore.
      Ogni tanto penso che una parte di me ami soffrire, ami stare male, come se ricavasse una sorta di piacere da cose che non dovrebbero proprio dare piacere. Questo non è normale, vero?
      In questi anni mi sono concessa troppe cose, veramente troppe, alle volte i sensi di colpa andavano via, non si presentavano ma, sai, alla fine spunta sempre fuori un senso di colpa più grande. Questo senso di colpa nasce dall'essermi concessa troppo, perché non me lo meritavo, non ero nelle condizioni di meritarmelo e mi sento in colpa per aver preso peso, per non essere più sottopeso ma nel range del peso "ideale".
      Probabilmente è perché non sono seguita più da nessuno, perché al primo miglioramento mi sono sentita legittimata ad abbandonare la terapia, quando probabilmente sarebbe stato più utile continuarla.
      Comunque scusa se ti affliggo con questi miei pensieri e scusa se ho scritto tanto, quello che volevo dire è che è possibile stare meglio. Forse "stare bene" è l'obiettivo finale e, come ogni cosa, necessita di tempo e dedizione. Forse, spero...

      Elimina
    5. che bello che mi scrivi tanto...sono un pò come un custode...
      perciò grazie!!!
      sì anch'io sono divisa in 2...in un altro blog avevo approfondito questo aspetto..col mio medico la parte 'malata'la chiamiamo ROCCHINA...forma dispregiativa di Rossella..perchè lui dice ha un pò il carattere di Rossella O'Hara...che tra l'altro adoro...
      io parlo a questa parte di me...cerco di farla ragionare...e non è per niente facile...non ha paura di me nè di altro!!!

      per il resto..voglio crederti..che si può stare meglio...spero arrivi anche per me...ora come ora sono lontana...
      se ti faceva stare bene perchè non riprendi la terapia?
      so che bisogna andare cauti col benessere perchè,hai ragione,quella parte NON vuole stiamo bene,però prendine piccole dosi...e ASSAPORA..in tutti i sensi..
      c'è da ammirare che almeno l'ultima parte l'hai affrontata tutta da sola riuscendo tutto sommato a gestirti...
      sai di cosa credo tu abbia bisogno?
      di LASCIARTI ANDARE...anche 1/2 volte..senza colpa...ti leggo tesa...
      non avere paura di volerti un pò bene...se come dici tu l'obiettivo finale è stare bene ci devi passare per forza per la fase intermedia..perciò con calma affrontati.
      non smettere mai di interrogarti su di te..se conosci te stesso conosci l'altro..che così farà meno paura...
      il fatto che la tua vita sociale sia migliorata è un bellissimo risultato...BRAVA!!!
      significa che no..non molli.
      attaccati alla vita e..assaporala.

      Elimina
    6. Tu dici che per ora sei molto lontana, no? Ma mi hai anche detto che hai vissuto un momento in cui "sembrava fatta" e poi si ripiombata nel sintomo. Quindi anche tu stavi per farcela, no? Il punto è che per quanto noi lontane possiamo essere dal raggiungere l'obiettivo "stare meglio" se non iniziamo, a piccoli passi, a camminare, a lavorarci, non ci arriveremo mai. Sai penso che all'inizio di un percorso sia impossibile vederne i risultati e questo, ovviamente, potrebbe scoraggiare, però bisogna essere perseveranti.
      Io leggo, dalle tue parole, che tu vuoi stare bene. Mi hai scritto "spero arrivi anche per me", cosa ti frena allora? A maggior ragione se senti dentro di te la voglia di stare bene beh, è proprio questo il momento di agire e di prendere in mano le redini della propria vita. Non pensi anche tu?

      Tornando a me, io mi sento in colpa proprio perché mi sono lasciata andare troppe volte. Io vivo la mia vita come se non esistessero sfumature, capisci? Della serie bianco o nero, tutto o nulla. Questo mi porta ad esagerare in un modo o nell'altro. Per cui lasciarmi andare, nel mio modo di vedere le cose, non implica un limite. Un "mi concedo un cioccolatino" per me diventa "mangio 10 cioccolatini". E' come la droga.

      Comunque tesoro buona giornata, almeno spero che lo sia per te :*

      Elimina