è una notte un po' così

Sono triste.


è una di quelle nottate un po' così..

mia sorella sta arrabbiata con me.
stamattina,per i miei motivi,l'ho fatta piangere.
quando mi metto faccio piangere chiunque.
mio padre alla vecchiaia è diventato anoressico.
non c'è altra spiegazione,visto che non tocca cibo.
ed è debole.
finalmente ho ripreso a leggere..mi mancava.
devo sentirlo il desiderio,per fare qualcosa.
spero di finire anche i libri interrotti anni fa.troppi.
le mie emozioni vacillano.non ne ho.
il mio medico dice sono anaffettiva.
andiamo bene.
dice che le emozioni le perdo quando scelgo il cibo a lui.
ma il cibo MI CULLA..
è troppo radicato in me.
ma dovrò impararne a farne a meno.
se voglio l'anoressia.
in fondo già l'ho fatto 1 volta..
il tempo passa.ma non per me.
resto appiccicata al passato.
come tenebra m'offusca.
potessi esplodere in un grido.

e far crollare il mondo.
mi odio.
o forse no.
robuste calze inceneriscono i battiti.sempre troppo forti.
diadema di bontà.
non lo si sconfigge il male.
solo la mia luce nel palazzo.
potere all'eutanasia.
bislacco pargolo incupito.
veder chiara un'immagine.
e poi lasciarla andare.
questo dolore finirà per rompermi.
io bambola di pezza ingabbiata nella vita.
dovrò rinunciare ai sogni.ancora.
e morire.ancora.
chi vuole trovarmi?
 basta giochi di ruolo.
basta levare i cocci.
e ripartire.con cura.
perchè?
questo dolore mi sovrasta.
metto gli occhiali per vedere meglio.
son troppa.
fra troppi.
non provare neanche spavento.
forse spaventerei questo dolore sublime.
che sa di colla abbandonata.
forse proverei piacere
nel perverso.
vita malsana che ti diverti
nella piazza del rito,
buongustaia di sciocchezze
buongustaia del mio ego.
accorta procedi
e mi lasci sfumata.
INCOMPIUTA.
compiaciuta.
ma infelice.
stanca di esserlo.
processione all'infinito.
è questo il problema.
e par che muti.
ma è utopia.
potessi specchiarmi
nei cristalli del tempo
mi vedrei luccicare.
anche solo un istante.
frazione irregolare
di sano divertimento.
che parola!!
ne ho perso il suono.
consumata come sono dal divenire
in fretta e presto...qualcosa.qualcuno.
ma finisco per intorpidirmi
e dimentico lacrime
negli anfratti secolari
della mia grotta d' inedia d'amore.


Commenti

  1. Leggo molta tristezza. E spero che passi.
    Spero solo che tu riesca a trovare un equilibrio. E pace, vorrei che tu stessi in pace. Una pace che l'anoressia non potrà mai darti - ma non sono nessuno per convincerti del contrario. Del resto, anch'io in passato volevo diventare anoressica.
    Ti sono vicina e ti voglio bene.

    V.

    RispondiElimina
  2. Stella ,con l'anoressia passeresti da un inferno a un altro... Una mia amica ce l'ha e si faceva sempre schifo, si vedeva grassa pur essendo uno scheletro, non riusciva neppure a lavarsi per non doversi guardare! Ora sta meglio grazie al nuovo compagno, ma ne ha passate... E' finita in ospedale con le flebo. Non può essere quello il tuo traguardo...

    RispondiElimina
  3. Carissima.. è la prima volta che approdo sul tuo blog. Sono anni che non riapro il blog seriamente e da oggi voglio farlo perché ho una grande infelicità all' interno. Sono qua per conoscerti.. conoscere un Po la tua storia perché mi rivedo nelle tue parole.
    Se hai ripreso a leggere è un ottima cosa.. aiuta tantissimo!

    Ti sono vicina.
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao bella!!
      allora GRAZIE per essere passata..
      se vuoi conoscere un pò la mia storia ti consiglio il post dal titolo'cambiamenti'..
      è uno degli ultimi..se vuoi leggilo grazie

      ti abbraccio

      Elimina
  4. Sono nuova qui...ma allo stesso tempo mi sembra di conoscerti da una vita.. Quello che esprimi...e' proprio quello che sento io. Scusami per il commento banale, volevo solo dirti che non sei la sola a provare tutto questo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina che sei!!
      il tuo commento non è banale..anzi!!
      GRAZIE.
      sapere di non essere sola..è importante per me.

      ti bacio

      Elimina
  5. Cara, certo che mi ricordo di te e sono felice di averti ritrovata!
    Mi dispiace per ciò che stai passando... in fondo, è ciò che sto attraversando anch'io.
    Leggo tanta tristezza e parole forti, ma... sai a me non sembri priva di sentimenti, anzi. Ne hai fin troppi!
    Purtroppo, non ho parole di conforto - non le ho nemmeno per me stessa - ma una cosa posso farla: inviarti virtualmente un abbraccio fortissimo!

    Alice

    RispondiElimina
  6. Leggere è fantastico, la migliore medicina!
    La tua scrittura denota una capacità d'espressione non comune, le parole che scegli mi sembrano sempre scelte con cura, sono forbite ma non perdono mai di espressività.

    Cosa stai leggendo al momento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio dei complimenti.
      grazie davvero.
      sei gentilissimo!!
      scrivo quello che provo..cerco di dare espressione al mio malessere..
      sto leggendo svevo..la coscienza di zeno..mi piace molto.

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari