tutto o niente

Cala la notte anche fra i pensieri.
gelo sinuoso.gelo smarrito.gelo che irradia.
colpisce questa mia staticità di pensiero.
resto perplessa sul da farsi.
non creo non gemo né mi impunto.
non so neanche se sono triste.
questo silenzio assordante
che zampilla nella mia camera
dove è buio
e il buio mi fa paura.
sempre con la musica accesa
altrimenti ascolto il pianto dei miei demoni
che litigano con gli angeli
nella lotta per la mia libertà.
sgomento.
sottofondo posticcio.
non sono sommessa.
non mi pongo domande universali
ma so che non sono sazia.
arriva persino la manìa
a scommettere emozioni.
che non ho.
ubriaca di sonniferi
dovrò far passare questa notte.
e il mattino arriverà.
e io ripeterò l'inerzia.
ancora e ancora.

Commenti

  1. Una sofferenza grande che deve finire. Un abbraccio grande.
    sinforosa

    RispondiElimina
  2. A me sembra abbia già un gran bel sapore di universalità il pianto dei demoni che litigano con gli angeli...ed sarebbe già più musicale di certi rapper nostrani che urtano gli apparati auricolari anche i più resistenti (anzi no..resilienti, che fa più trend e pure più figo... ).
    La depressione lasciala a quelli che manco c'hanno un blog..
    L'inerzia ammazzala con un libro, un film, una passeggiata al sole,
    O millemila commenti sul mio blog, ad esempio... ;)

    RispondiElimina
  3. Io mi aggrappano all'idea (quando ci rouscivo) di trovare un buon motivo per avere la forza di alzarmi. Allora leggevo le poesie di Emily Dickinson.. Assieme a lei passeggiavo tra i boschi attorno alla sua casa, alla scoperta di quella natura, sia animale che vegetale, che ha spesso avuto il potere di farmi ritrovare il sorriso. Buona domenica Juliette.

    RispondiElimina
  4. Intanto toglierei la moderazione... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la moderazione mi aiuta a visualizzare i commenti..perchè via email non compaiono tutti..

      Elimina
  5. Ripetere l'inerzia..queste parole mi fanno paura....
    Bisognerebbe (questo non è un rimprovero a te, sia chiaro..parlo in generale e parlo anche per me) sempre trovare la "molla" giusta per vivere ogni giorno diverso dall'altro (e appunto io sono uno che cerca sempre la consuetudine e la regolarità, ma alla lunga crea anche problemi).
    Perdonami se ho invaso il tuo spazio con questo pensiero, ma il tuo scritto mi ha colpito molto, in particolare quelle parole..

    RispondiElimina
  6. Il titolo di questa tua poesia mi ha fatto pensare a me.
    Sono sempre stata tutto o niente, bianco o nero.
    Le sfumature non esistono, o perlomeno io non le voglio.
    Eppure, se guardi un tramonto, la meraviglia sta proprio nei colori che si intrecciano, dando vita alle emozioni.
    E allora molla quei sonniferi, e smettila di essere così critica con te stessa.
    Se solo tu riuscissi a volerti bene, come te ne vogliamo tutti noi, anzi, come te ne voglio io, allora quell'indaco che tinge tutto di poesia ti colorerebbe il cuore.
    Io ci spero sempre. Per te. <3

    RispondiElimina
  7. Io dico solo di pensare sempre positivo, dai su ;)

    RispondiElimina
  8. So cosa significa stare sempre da schifo e non riuscire a farci proprio un bel niente, mentre intorno c'è sempre qualcuno che non si accorge o se si accorge disprezza e pontifica, oppure non gliene frega niente. Mi dispiace tanto.

    RispondiElimina
  9. È una vera poesia.
    È vero che l arte nasce dalla sofferenza.
    E la tua sofferenza mi colpisce sempre.
    Vorrei sapere cosa puoi fare per vivere meglio.
    Sono convinto che qualcuno c è per esserti vicino ma non basta. Ci vorrebbe un colpo d ala tuo per uscire da questa condizione.
    Comunque scrivi benissimo. Ed è la tua una bellissima e struggente poesia che meriterebbe di essere conosciuta da una platea più ampia.
    La tua è vera poesia....

    RispondiElimina
  10. È una vera poesia.
    È vero che l arte nasce dalla sofferenza.
    E la tua sofferenza mi colpisce sempre.
    Vorrei sapere cosa puoi fare per vivere meglio.
    Sono convinto che qualcuno c è per esserti vicino ma non basta. Ci vorrebbe un colpo d ala tuo per uscire da questa condizione.
    Comunque scrivi benissimo. Ed è la tua una bellissima e struggente poesia che meriterebbe di essere conosciuta da una platea più ampia.
    La tua è vera poesia....

    RispondiElimina
  11. E' molto triste questo tuo scritto, ma è anche molto bello.
    E il fatto di creare bellezza anche da stati d'animo e pensieri cupi è qualcosa che ti rende ricca, più di tanti che vivono una superficiale "felicità".
    E il fatto che tu abbia condiviso con noi le tue preziose parole rende un po' più ricchi anche noi che ti leggiamo.

    Mi hai fatto pensare alla bellezza collaterale, (non so se conosci il film), quella che si può ricavare anche dal dolore... tu quest'oggi ci sei riuscita in pieno :)

    RispondiElimina
  12. Sono devastata dalla profondità di questa sofferenza che stai provando....ti stringo forte sperando che il buoio un giorno ti faccia meno paura e che i demoni tacciano!

    RispondiElimina
  13. LA tua sensibilità e la tua sofferenza sono molto profonde in te. Se solo riuscissi ad attenuare la sofferenza….

    RispondiElimina
  14. Ciao
    innanzitutto grazie per essere passata da me e per il tuo gradito apprezzamento.
    Poi, la tua arte poetica è un passo avanti per scacciare i demoni.. Moltk bella questa poesia. Hai mai pensato a scrivere qualcosa per qualche concorso di poesia? Fa bene l'autostima.
    Un abbraccio e buona giornata.
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a dire il vero ho partecipato a 5-6 concorsi di poesia..in uno mi sono classificata ottava..
      di un paio non ho avuto notizie...
      grazie per il consiglio..

      Elimina
    2. Complimenti, continua fa bene al corpo e allo spirito.
      Un abbraccio
      Chiara

      Elimina
  15. Credo di non aver le parole giuste da dirti.
    Mi dispiace per come ti senti, vorrei poterci fare qualcosa.
    Perché questo cerchio non si rompe?

    RispondiElimina
  16. Purtroppo l'inerzia rovina tutti i buoni propositi e la forza di volontà latita....
    Mi dispiace questo tuo dolore tanto radicato, lo rispetto. So che ce la farai a far tornare la ruota a girare avanti...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai detto una parola che mi ha colpito al cuore.
      RISPETTO.
      non sai quanto mi ha colpito!!
      Grazie11
      per tutti gli anni scolastici a partire dalle medie mi è mancato.
      da parte di tutti.
      sei veramente di una sensibilità straordinaria.
      sono senza parole.
      ed io sono una chiacchierona.

      Elimina
    2. !!! NO 11
      che mi sa significano pure qualcosa ma non mi ricordo cosa..

      Elimina
  17. Ciao cara Juliette , come in ogni tuo post , ci doni momenti di Te , che sai esprimere in maniera incredibilmente forte , ma allo stesso tempo si nota la tua grande dolcezza e bellezza d'animo.
    Leggo e rileggo questi tuoi pensieri che sai trasformare in poesia e mi arriva un brivido sulla pelle in questo tuo scrivere.
    Siamo in tanti vicini a te , ammiriamo la grande volontà interiore , di esternare le cose che ti fanno male , continua a scrivere , anche noi abbiamo bisogno di Te.

    Con affetto e stima sempre ti abbraccio forte .

    Buona giornata .

    Rosy

    RispondiElimina
  18. Ciao, versi molto forti e profondi, che mettono a nudo il disaggio di vivere serenamente.
    L'inerzia è una brutta bestia da domare., è la forza di volontà che deve venire fuori mettendo al primo posto te stessa e tutto ciò che può darti l'incipit.
    Buon pomeriggio
    Rachele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei sempre molto attenta a ciò che dico...
      Grazie.
      è proprio la forza di volontà che in me non riesce a "svegliarmi"e a scuotermi..

      Elimina
  19. Ciao Juliette, leggo sopra che ti chiami così: sbaglio?
    Mi piacerebbe rivolgermi a te chiamandoti col tuo nome, le tue parole sfiorano un'intimità che è bello condividere se chi ti ascolta ti sa vicina, anche se solo virtualmente.
    Scrivere aiuta, fare sentire la propria voce è una medicina che guarisce. Continua a farlo: scrivi, raccontati, anche perché ti riesce molto bene..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio nickname era Caroljuliette e hanno cominciato a chiamarmi così...
      non mi dispiace come nome ma non è il mio vero nome..

      Elimina
  20. Ciao carossima
    stavo rileggendo e mi sono soffermata sul titolo "tutto o niente" : un po' di tempo fa, anzi, molto tempo fa, era tutto, oppure non si fa nulla, ora, sarà la vecchiaia, il niente è diventato qualcosa; giusto non accontentarsi ma a volte basta avere un po' di quel tutto per star bene..
    Il tuo scrivere ne è la dimostrazione un paracetamolo alla tristezza o al dubbio di tante domande che spontanee ci assalgono sopratutto nella giovane età.. Brava continua a deliziarti e deliziarci con il tuo essere qui con noi a condividere pezzetto di strada.
    Un abbraccio
    Chiara

    RispondiElimina
  21. Molto bella e triste, mi piacerebbe una chiusura diversa, del tipo "e da adesso non si soffre più ", anche se utopistico è un ottimo punto di partenza secondo me.

    RispondiElimina
  22. Ciao cara, passavo di qui per chiederti come stessi...un bacio e un abbraccio dal prfodono del cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro...veramente sto influenzata...da circa 10 giorni!!
      ho dovuto prendere gli antibiotici..
      e mi si sono gonfiate le labbra!!
      sto inguaiatella

      Elimina
    2. Noooo anche tu hai preso sta influenza terribile che c'è in giro? Mi spiace tanto che tu stia poco bene! Rimettiti presto e un mega bacione!

      Elimina
  23. Julikette cara, ti lascio un abbraccio... mi viene di dartelo, questo abbraccio, dopo aver letto la poesia e aver percepito questa tua inerzia nella spero con tutto il cuore che tu possa aprire uno squarcio che faccia passare luce e aria pulita.
    Ho letto anche che sei influenzata da giorni e me ne dispiace :( guarisci presto!

    RispondiElimina
  24. Vivi un dolore grande. Mi sento di dirti che ti comprendo. Anche se il dolore è la cosa più personale che c'è. Io ho imparato ad amare il buio. Nel buio si può riconoscere la propria luce. Un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari